Skip to main content

La Spagna non è mai stata un paese pioniere nel campo tecnologico. Ad esempio, se parliamo di usi d’acquisto, si mantiene a una discreta distanza dai paesi limitrofi se consideriamo la percentuale dei compratori online.

I dati concreti dei consumi digitali settimanali sono: 27% in Spagna, mentre vediamo un 42% in Italia, un 40% in Germania e un 38% in Francia. Numeri, che, già di per se, collocano il paese iberico in un posizione molto bassa, se poi li mettiamo a confronto con quelli  che ci pervengono dal resto del mondo,  con una Cina che registra una percentuale del 73%, possiamo constatare che il paese ispanico ha ancora una lunga strada da percorrere, in questo campo.

Questa è una delle conclusioni a cui è giunto il rapporto “Total Retail 2017”, elaborato da PwC,  realizzato intervistando 24.471 consumatori di tutto il mondo. Studio che, per quanto dimostri che poco a poco il commercio elettronico si stia svegliando, rivela che il negozio fisico rimane il canale preferito dai consumatori.

Tra le motivazioni che invogliano i consumatori a continuare a rivolgersi agli esercizi commerciali fisici vediamo:

  • la miglior conoscenza del prodotto, o della gamma;
  • la possibilità di conoscere la disponibilità dell’articolo in altri negozi consociati;
  • l’esistenza di offerte personalizzate e l’attrattiva dell’ambiente.

Anche se si continua a preferire i negozi, ne registriamo un calo, per la precisione di 20 punti (si passa dal 66% al 45% dello scorso anno in Spagna).

Nell’online il computer continua ad essere preferito rispetto al telefonino o al tablet. Strumenti  che sembra non riescano a decollare come mezzi d’acquisto. Tra le ragioni che possono spiegare questo fenomeno troviamo i maggiori ostacoli che incontrano al momento di effettuare acquisti con i cellulari:

  • schermi piccoli,
  • pagine web adattate ai portatili, non facili da usare
  • e, in più ,poco sicure.

O per lo meno tali le percepiscono i consumatori. In fine le altre  principali  conclusioni che si traggono da questo studio sono:

  • il prezzo  rimane il fattore determinante nel motivare gli spagnoli a preferire un negozio specifico, sia online sia fisico,
  • poi la fiducia nel marchio 
  • il diritto di recesso
  • e la sicurezza di trovare in stock i prodotti che acquistano
Aldo Ciana

Aldo Ciana

La noia uccide

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.